Breaking

Il risveglio

Editoriali / Videoeditoriali / 2 febbraio 2015

“…Ricomincio da qui, da un sospiro a colazione…”

Le abitudini, a volte, sono solo la copertura all’incapacità di porre un cambiamento, soprattutto quando il cambiamento deve avvenire per permettere il proseguo di una “vita” e, nel nostro bel Paese, stiamo proprio parlando di questo: il cambiamento delle abitudini deve avvenire perché i nostri figli hanno il diritto di avere un futuro insieme al dovere di mantenerlo!
La scatoletta nera ha completamente rimbambito i sensi e atrofizzato le proiezioni di un reale che, come possiamo oggettivamente e soggettivamente constatare, è per fatti concludenti un mix di fashion blogger o aspiranti tali, artisti (?!), comunicatori, pensatori o faccendieri di ogni tipo o ragione sociale o meno.

Ci si vergogna di essere un elettricista! Un operaio o un saldatore, perché oggi non devi essere ma devi apparire! L’imperativo? Sapere non per crescere come individuo e contribuire allo sviluppo della società; delirio, questo, esasperato dal successore della televisione: la rete.

Internet che ha incagliato tutti nella sua versione “senza confini” sancendo così anche il diritto a chi, per evidenti bradipeggianti evoluzioni storiche che li ancorano al nostro cinquecento, taglia teste e massacra bambini o schiavizza donne, di pubblicizzarsi e raccogliere adepti impedendo a quelle poche menti pensanti di dire al mondo la verità, seppur solo scritta attraverso un nobile lavoro come quello del giornalista – così almeno dovrebbe essere, ma ne rimangono pochi, di battitori “liberi”-.
Le evoluzioni sono accadute perché le necessità sono mutate e qualcuno ha deciso di iniziare a vederle e a sviluppare il nuovo desiderio attraverso il proprio ingegno. La storia, seppur scritta dai vincitori, riporta una costante: nessun vero e importante cambiamento è avvenuto senza una guerra. Distruggere per ricostruire. Quale e come sarà la guerra dell’uomo 2.0 ?
L’uomo è Caino e Abele, non dimentichiamocelo. Questa la costante, l’unica verità, quella del bene e quella del male… Uno nasce!
Ho riscoperto una vecchia abitudine, quella di bere il succo di due arance ogni mattina. Non mi causa più acidità di stomaco. Non sempre ciò che ci faceva male continua ad essere nocivo oggi, normalmente però, per far sì che ciò accada, si debbono cambiare certe abitudini! Non si può avere tutto…

Buona settimana e buon lunedì,
Non ho smesso di pensarvi…

 

Irene Colombo per toutcourt.org

Comments

comments


Tag:, , , ,




Previous Post

Caro Babbo Natale, ti scrivo anch'io!

Next Post

¿Hay que retroceder para avanzar?





You might also like


More Story

Caro Babbo Natale, ti scrivo anch'io!

Caro Babbo Natale, Come stai? Io me la cavo abbastanza bene! Sono anni che non ti scrivo una lettera ma sono stata molto...

15 December 2014