Breaking

Per la legge sono, finalmente, Moglie!

Editoriali / Videoeditoriali / 19 ottobre 2014

 

 

Sinceramente non so da che parte iniziare a scrivervi questo editoriale!

Ho un “buco” di quindici giorni, un appuntamento saltato – quello con Voi, quello del lunedì mattina – non voluto ma accaduto per una mancanza di tempo, reale non fittizia. Ho letteralmente consumato tanti momenti speciali, anche il momento più atteso, quello del “Sì” e nel frattempo sono riuscita ad ammalarmi ancora…giusto giusto perché “Le mamme non si possono ammalare” e io, indubbiamente, sono più cagionevole delle altre – nel corpo ma non nello spirito!-

Quale donna non aspetta trepidante il momento fatidico del sì? Il momento dell’abito bianco, del braccio incrociato a quello del Padre… del velo, dell’anello, della chiesa piena di amici e parenti (e i curiosi sul sagrato) che ti aspettano e sfogano l’attesa in un emozionante applauso che come sottofondo ha la classica marcia nuziale di Mendelssohn per commuoversi poi sulle note dell’Ave Maria di Wagner cantata dalla amata voce di Consuelo ? (quella di Schubert è un classico che non condivido. Ndr)

Tutte le donne, o quasi – certo – e tra queste ci sono anch’io e dovrò aspettare ancora per questa emozione, perché per ora il “SI” è stato pronunciato ma solo al cospetto della legge!

Pizzi e merletti, pianti e feste sono rimandati… ma questo “sì” non si poteva rimandare perché dinnanzi alla legge italiana io e Alessandro non eravamo nessuno, solo – certamente non poco – i genitori di Vittoria Amelia ma entrambi, oltre a questo, non potevamo certo vantare nessun dovere né diritto verso l’altro.

Come mi sento? Mi sento protetta adesso. So che Vi sembrerà strano ma è proprio così! E questa protezione mi avvolge in uno stato di serenità nel quale mi piace abbandonarmi… Mi piace abbandonarmi al mio Amore, nell’attesa di quella Benedizione eterna!

Vi auguro una bellissima settimana e, speriamo -almeno qui al nord- che resti questo sole e questa temperatura!

Un abbraccio

Irene

 

 

 

 

Comments

comments


Tag:, , , , ,




Previous Post

X tutte le volte che.... X tutte le volte in cui...

Next Post

SILENZIO





You might also like


More Story

X tutte le volte che.... X tutte le volte in cui...

Per tutte le volte che... Hai pensato ai tuoi chili di troppo mentre avresti dovuto preoccuparti del peso inesistente dei neuroni...

7 October 2014